Fecondazione eterologa, prima gravidanza in una struttura pubblica del Sud

Fecondazione eterologa, prima gravidanza in una struttura pubblica del Sud

Smart PMA-telemedicina a sostegno delle coppie

Dopo 35 anni si è realizzata una gravidanza attraverso la fecondazione assistita eterologa in un ospedale pubblico del Sud Italia; si tratta del San Giuseppe Moscati di Avellino. Il successo è ancora più evidente perché è avvenuto in un periodo particolare qual è questo dell’emergenza sanitaria nazionale causata dal Covid-19. Da più di un mese sono stati rinviati interventi e visite, così come sono stati sospesi i trattamenti di PMA; pertanto si è fatto ricorso ad un sistema di digitalizzazione, di consulto e assistenza che si chiama Smart PMA, un progetto che coinvolge otto tra i più importanti centri sanitari pubblici di PMA, ideato dall’ospedale Moscati per non abbandonare le coppie che hanno problemi di sterilità in trattamento, utilizzando l’uso della telemedicina. Al Moscati l’iniziativa è partita dal 6 marzo e tramite videochiamate si effettuano consultazioni per le coppie che hanno necessità,  in modo da seguirle senza farle recare negli ambulatori sottoponendole al rischio di contagio per Covid-19.  Purtroppo a causa della pandemia che ha toccato l’Italia e il resto del mondo e,  quindi,  della conseguente inattività in merito alla procreazione assistita,  si è stimato  un calo della natalità. La gravidanza avvenuta in Campania con l’aiuto della fecondazione assistita in vitro, con donazione di gameti,  presso una struttura pubblica,  è la prima al sud Italia dal 1985 e deve essere una spinta in più per far si che in tutte le regioni siano erogate tutte le tecniche di PMA anche nelle strutture pubbliche: sia  i problemi economici che quelli di salute non devono rappresentare un limite per il desiderio di molte coppie di pianificare una gravidanza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *