Fecondazione assistita e Covid-19

Fecondazione assistita e Covid-19

In questo periodo di emergenza per la terribile epidemia di Covid-19 ci si pongono molte domande in merito al percorso di PMA e di una eventuale gravidanza. Il dottor Mario Mignini Renzini, responsabile del centro di PMA della Casa di cura La Madonnina di Milano ci fornisce delle risposte e innanzitutto precisa che,  qualsiasi sia il metodo di concepimento, i comportamenti da assumere e le precauzioni sono sempre gli stessi. Inoltre al momento non sono presenti dati evidenti circa la possibile trasmissione del virus attraverso gli ovociti o il liquido seminale.

La nota del Centro Nazionale Trapianti del 3 marzo 2020 sottolinea che per la PMA non vi sono restrizioni specifiche tranne se ci sono sintomi evidenti compatibili con l’ infezione da SARS-CoV-2, sempre che le restrizioni non siano imposte dalle rispettive Regioni. Ne deriva che,  per le nuove donazioni,  occorre accertare che i donatori siano stati valutati per il rischio di infezione e quindi siano non a rischio, invece dal punto di vista laboratoristico, utilizzare gameti nei trattamenti di fecondazione assistita, risulta essere sicuro così come lo era prima dell’arrivo del virus. Ciò che più spaventa le donne è la possibilità di poter trasmettere, in caso di positività, il virus al feto. Le esperienze a disposizione, seppur poche, indicano che vi è assenza di passaggio transplacentare del SARS-CoV-2.

Uno studio condotto in Cina, dove il virus si è sviluppato prima, evidenzia che su 19 donne in gravidanza nessun neonato ha avuto sintomi da Covid-19, e che il virus non è stato trovato nel liquido amniotico o nel sangue neonatale prelevato da cordone ombelicale. Recentemente lo ha confermato anche il caso del neonato di Piacenza nato negativo da madre positiva.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *