Cerchi una Clinica di Fertilitá all’estero?
Cliniche accuratamente selezionate in base alle recensioni dei pazienti e all'esperienza delle cliniche.

Lombardia: ricorso al Tar contro la delibera della Regione in merito ai limiti della Pma eterologa

Con sentenza emessa il 19 luglio il Tar della Lombardia ha eliminato alcuni limiti alla possibilità di ricorrere alla procreazione assistita eterologa come prestazione assicurata dal servizio sanitario. Infatti era previsto che potessero richiedere tale prestazione le donne con un’ età massima di 43 anni e che le stesse potessero sottoporsi a non più di tre cicli nelle strutture pubbliche. Una coppia ha fatto ricorso alla delibera della Regione e il Tar ha supportato le loro ragioni, sottolineando che, a seguito dell’intervento della Corte Costituzionale, non vi è nessun limite al ricorso alla pma omologa e che quindi non vi può essere una disciplina differente per quella eterologa. Inoltre supporta tale tesi anche la legge 40 del 2004 che non pone limiti all’età della donna che chiede l’accesso alla tecnica, facendo solo riferimento all’età potenzialmente fertile. La corte Costituzionale ha sottolineato anche che le due tecniche, omologa ed eterologa, sono due species di un unico genus, avendo entrambe lo scopo di superare le difficoltà di fertilità della coppia, raggiungendo risultati in sostanza uguali e che, quindi, non sarebbe razionale tener conto di limiti differenti. I giudici del Tar ribadiscono che si verrebbe meno al principio di uguaglianza sancito dall’articolo 3 della Costituzione. Comunque la questione resta aperta ed è oggetto di varie discussioni  perchè c’è una corrente di pensiero che sottolinea la più alta incidenza dei rischi per madre e figlio quando l’età è più avanzata e un’altra corrente di pensiero che mette in evidenza il lato più etico della questione sostenendo che spesso si pensa a soddisfare  maggiormente il desiderio di diventare genitori a qualsiasi età e a qualsiasi costo piuttosto che a tutelare i diritti del bambino.

Articoli del Blog

Coltura a blastocisti- Quali vantaggi

Che cos’è la coltura a blastocisti? La coltura sequenziale a blastocisti permette di ottenere un embrione al 5º giorno di sviluppo embrionale, cioè in uno stadio evolutivo più avanzato, le cui cellule sono aumentate e si sono differenziate. Cominciano a distinguersi la cappa più esterna (trofoblasto, che darà luogo alla

Leggi Tutto »
Articoli del Blog

Cellule ”natural killer” e gravidanza

Molti di voi avranno più volte sentito parlare delle cellule Natural Killer. Ma di cosa si tratta precisamente? Durante le prime fasi della gravidanza, il sistema immunitario della donna affronta grandi sfide. Una reazione sbagliata del sistema immunitario può comportare il mancato annidamento dell’embrione, o che questo sia rifiutato dopo

Leggi Tutto »
Articoli del Blog

La migliore medicina riproduttiva

L’Instituto Bernabeu di Cartagena modernizza le sue strutture e tecnologie per continuare ad offrire la migliore medicina riproduttiva Gli abitanti di Cartagena possono sottoporsi a qualsiasi trattamento di riproduzione assistita senza spostarsi dalla propria città. Il centro ha incorporato le ultime tecnologie nel proprio laboratorio FIV, tra cui le moderne

Leggi Tutto »