Cerchi una Clinica di Fertilitá all’estero?
Cliniche accuratamente selezionate in base alle recensioni dei pazienti e all'esperienza delle cliniche.

Eterologa – Donazione di Ovuli e selezione delle Donatrici

La donazione di ovuli è il processo con il quale una donna fertile mette a disposizione di un’altra donna i suoi ovociti a fini riproduttivi.
Le donazioni di ovociti provengono da donne di età compresa fra i 18 ed i 35 anni oppure da donne già sottoposte a tecniche di fecondazione assistita che hanno un’eccedenza di ovociti o che, semplicemente, desiderano donarli.

E’ una tecnica totalmente sicura che vuole offrire maggiori garanzie di raggiungimento della gravidanza quando esistono determinati problemi legati all’ovulazione, come illustreremo qui di seguito.

Affinchè si possa avere un’idea più precisa, attualmente i cicli di riproduzione assistita in Spagna si portano a termine con un 70-80% di gameti (ovociti e spermatozoi) propri della coppia che si sottopone al trattamento e con un 20-30% di gameti donati da persone estranee, che si tratti di ovuli o spermatozoi.
La donazione di ovuli è consigliata in donne di maggiore età che presentano un’insufficienza ovarica primaria o precoce o ovaie inaccessibili, con menopausa prematura o chirurgica, che sono portatrici di un’alterazione genetica o che si sono sottoposte a ripetuti e fallimentari cicli di fecondazione in vitro (FIV) o che abbiano subito interruzioni di gravidanza inspiegate e ripetute (aborto ripetuto).

In questi tipo di casi e con previa diagnosi clinica, la donazione di ovuli è l’alternativa più percorribile per poter ottenere una gravidanza.

Il processo di donazione di ovociti si propone di portare a termine una fecondazione nella quale il gamete femminile viene fornito da una donna giovane e fertile ad un’altra donna che desidera essere madre e che riceverà l’embrione risultante. Affinché questo sia possibile, i cicli ovarici della donatrice e della paziente dovranno essere sincronizzati.

In questo modo, una volta ottenuti gli ovociti della donatrice, si procede con una delle tecniche di riproduzione assistita, a seconda del fattore maschile e delle caratteristiche seminali.

Selezione della donatrice nella clinica VITHAS PHI FERTILITY

Il processo di selezione delle donatrici è effettuato nel dipartimento di donazione e include un meticoloso processo di verifica di corrispondenza tra le caratteristiche fisiche e cliniche della paziente con quelle della donatrice.
La donatrice deve avere la massima compatibilitàpossibile, inclusa la similarità fenotipica ed immunologica con la paziente.
La donazione è regolata da un accordo tra il centro e la donatrice, al quale è estranea la ricevente. La segretezza dell’identità della donatice è protetta dalla Legge spagnola.
Prima che una candidata per la donazione possa entrare nel gruppo di donatrici della PHI FERTILITY, è sottoposta ad una rigorosa serie di test, che includono le visite mediche, psicologiche e ginecologiche, esami del sangue e test sierologici per le malattie infettive, in aggiunta a uno studio della sua storia genetica per escludere le più comuni malattie ereditarie.
Inoltre nella clinica VITHAS PHI FERTILTY si preparano contemporaneamente due donatrici idonee (stesso gruppo sanguigno e stesso fenotipo della paziente) per giungere nel giorno del pick up, a scegliere quella che abbia un ciclo ovulatorio migliore. Questo servizio offerto esclusivamente dalla struttura della PHI FERTILITY consente di arrivare al giorno del pick up con la garanzia del tranfer e non rischiare di dovere cancellare tutto il ciclo dei trattamenti per mancanza di ovociti sufficienti o di buona qualità.

Articoli del Blog

Come vengono selezionati gli embrioni per il trasferimento?

Gli embriologi del laboratorio iGin sono professionisti esperti nella manipolazione, gestione e controllo di gameti (ovuli e spermatozoii) ed embrioni in fase di sviluppo. Il loro compito è quello di valutare il singolo potenziale di ogni embrione e identificare quelli che potrebbero portare a una gravidanza. Prima di comprendere come

Leggi Tutto »
Articoli del Blog

Preservare la fertilità con il Social Freezing

La crioconservazione degli ovociti a scopo precauzionale (anche chiamata “social freezing“) può essere definita come una terapia dell’infertilità futura. Il social freezing consiste nella crioconservazione dei gameti femminili: l’obiettivo è avere maggiori probabilità di concepire in futuro ricorrendo alle procedure di procreazione medicalmente assistita, qualora non si riuscisse ad avviare una gravidanza spontaneamente.  E’

Leggi Tutto »
Articoli del Blog

Tumore al seno e fertilità

Grazie ad una nuova tecnica di fecondazione assistita, la IVM (“in vitro maturation” – maturazione in vitro), è stato possibile ottenere una gravidanza in una ex paziente con tumore al seno. Dobbiamo tener presente che le donne con tumore al seno “ormono-sensibile” vengono trattate, per almeno 5 anni, con farmaci

Leggi Tutto »