Un altro sogno si realizza grazie alla fecondazione assistita. Lo racconta una MAMMA di 62 anni

Un altro sogno si realizza grazie alla fecondazione assistita. Lo racconta una MAMMA di 62 anni

Una donna realizza il proprio sogno di avere un figlio, ma a 62 anni! La neomamma 62enne single partorisce all’ospedale San Giovanni di Roma una bimba di 3 chili e 200 grammi . “Non esiste l’età giusta per diventare mamma” . .

“Ho aspettato per anni l’uomo giusto, poi mi sono decisa”. La normativa del nostro Paese non avrebbe consentito questa tecnica anche per limiti di età.

La neomamma 62enne  racconta in una intervista al messaggero come ha vissuto l’esperienza del parto, il desiderio di avere una figlia e i progetti per il futuro: “Ho fatto un salto nel vuoto, ma gli stessi medici quando ho dato alla luce mia figlia mi hanno detto che ho partorito come una ventenne”. La gravidanza è stata possibile grazie all’impianto di un embrione nel suo utero, svoltosi in Albania.

La sua scelta di fare un figlio alla sua età e senza un compagno ha suscitato ammirazione ma anche molte polemiche alle quali ha risposto un un sorriso: “Una donna non deve sentirsi vecchia mai”. E a chi l’ha giudicata criticandola di essere egoista ha detto: “Non esiste l’età giusta per diventare madre, la vita si è allungata, ci sono più opportunità. Il mondo del lavoro è sempre più difficile, prima si pensa a stabilizzarsi… Ho rimandato per la fatica e quasi mi sento più sicura ora che arriva la pensione”. La neomamma, infermiera, ha tanti progetti per la vita della sua bambina ma resta con i piedi per terra: “A me basta che questa bimba arrivi con me ai 18 anni poi potrà camminare da sola, perché i figli devono essere indipendenti”.

Due anni fa alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno era toccato ad un’altra donna diventare madre per la prima volta a 62 anni. La donna malgrado l’età avanzata e quattro aborti spontanei, aveva voluto tentare a tutti i costi un’altra gravidanza. «Di nascite dopo i 60 anni sia in Italia che all’estero ce ne sono già state», commenta il responsabile di anestesia ostetrica del San Giovanni, Marco Traversa. E aggiunge: “dalla nostra esperienza viene fuori che nell’area metropolitana in media le donne partoriscono per la prima volta intorno ai 40 anni e anche oltre, e arrivano a fare il secondo figlio anche tra i 46 e i 50 anni».

Quante di voi avrebbero il coraggio di affrontare una gravidanza a 62 anni? Una gravidanza in età avanzata comporta, molti rischi. La dottoressa Maria Giuseppina Picconieri, ginecologa e coordinatrice regionale della Società italiana di riproduzione umana per il Lazio, spiega: “è un caso eccezionale e fortunato. Perché portare avanti una gravidanza a 62 anni comporta una serie di rischi sia per la donna che per il nascituro. (..) Sono poche le donne in età avanzata che, pur riuscendo a ottenere una gravidanza, hanno buone probabilità di portarla a termine.

Oltre al rischio legato alla gravidanza,  ogni donna sarebbe assalita dalla paura di lasciare solo al mondo un figlio, prima che diventi adulto..Ma la verità è che il desiderio di maternità supera qualsiasi preoccupazione, qualsiasi razionalità e qualsiasi giudizio, giusto o sbagliato che sia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *