Cerchi una Clinica di Fertilitá all’estero?
Cliniche accuratamente selezionate in base alle recensioni dei pazienti e all'esperienza delle cliniche.

Ovodonazione: tutti gli step necessari

Nel momento in cui,  in una donna, con appropriati esami, si riscontra una scarsa riserva o funzionalità ovarica, l’unica possibilità per ottenere una gravidanza è il ricorso all‘ovodonazione oppure all’embriodonazione. Vediamo esattamente di cosa si tratta e le differenze tra le due tecniche. Nell’ovodonazione si utilizzano ovociti donati che vengono inseminati in vitro con gli spermatozoi del partner; nell’embriodonazione gli spermatozoi provengono da una banca del seme: in entrambi i casi lo scopo è ottenere degli embrioni che vengano trasferiti nell’utero della donna. Una delle cliniche che si occupa delle suddette procedure è la FIVMADRID che segue un protocollo che si divide in diverse fasi:

1) SELEZIONE E STIMOLAZIONE OVARICA DELLA DONATRICE:

Le donatrici, in Spagna, luogo dove ha sede la clinica FivMadrid, vengono selezionate in base a criteri stabiliti dalla legge; dopo che esse hanno superato la selezione, vengono sottoposte a un trattamento di stimolazione ovarica, dopo di che vengono estratti gli ovuli che a loro volta possono essere vetrificati per essere utilizzati in futuro oppure possono essere donati immediatamente.

2) PREPARAZIONE DELL’ENDOMETRIO DELLA RECETTRICE:

Questa fase si suddivide in due momenti:

Soppressione: inizia il ventunesimo giorno del ciclo, giorno in ci viene effettuata un’iniezione di un analogo del GnRH, per evitare che avvenga un’ovulazione spontanea che potrebbe danneggiare l’endometrio;

Preparazione endometriale: si prepara l’endometrio somministrando via orale o transdermica valerianato di estradiolo. Dopo una ventina di giorni si controlla con un’ecografia; in questo periodo la clinica FivMadrid consiglia di recarsi a Madrid in giornata per congelare il seme del partner nel caso in cui si decida di optare per la tecnica dell’ovodonazione piuttosto che quella dell’embriodonazione. Nel momento in cui la clinica appura che la ricevente è pronta, si assegnerà la donatrice e comunicherà il giorno del pick up, in modo che la donna possa organizzare il viaggio.

3) FECONDAZIONE IN VITRO:

Gli ovuli sono fecondati con lo sperma del partner (ovodonazione) o con quello proveniente da una banca del seme (embriodonazione).

4) CULTURA EMBRIONARIA:

Si controlla lo sviluppo degli embrioni una volta avvenuta la fecondazione.

5) TRANSFER EMBRIONARIO:

Dopo 2 o 3 giorni gli embrioni selezionati vengono inseriti in una cannula sottile per essere trasferiti nell’utero della donna sotto controllo ecografico. E’ un procedimento indolore che dura 10-20 minuti. Anche se la legge spagnola consente di trasferire  fino a 3 embrioni, in FivMadrid si cerca di evitare gravidanze multiple. La loro politica è trasferire 1 o al massimo 2 embrioni e questa loro scelta non comporta una diminuzione della loro percentuale di gravidanze.

6) CRIOCONSERVAZIONE:

Se vi sono embrioni di buona qualità, questi vengono congelati in azoto liquido(vetrificazione) e saranno conservati nella banca di embrioni di FivMadrid.

7) TEST DI GRAVIDANZA:

A 15 giorni dal transfert si effettua il test di gravidanza.

Il ciclo di ovodonazione dura 1 giorno perché è necessario essere presenti solo per il trasferimento embrionario. Il tempo che passa dall’inizio della preparazione dell’endometrio nella ricevente alla donante varia da 20 a 45 giorni e non è necessario permanere nel paese dove ha sede la clinica. E’ sufficiente assumere i farmaci che i medici della FivMadrid indicheranno ed effettuare un paio di ecografie in Italia.

Fecondazione eterologa sì, ma a caro prezzo

Una coppia di pratesi in lista per l’inseminazione all’ospedale di Careggi si lamenta per il costo: “Le donne sotto i 43 anni pagano 500 euro, a noi tocca tirarne fuori 4.000” PRATO. All’ospedale di Careggi sono la coppia numero 48. Lui ha 53 anni, lei 52, vengono entrambi da Prato e

Leggi Tutto »
Articoli del Blog

Procreazione assistita. Incoerenze e dibattiti sulla legge n.40 del 2004

La legge n.40 del 2004 disciplina la procreazione medicalmente assistita (Pma). Questa legge ha posto da sempre molti limiti e quindi è stata al centro di numerosi dibattiti che hanno conseguito diverse sentenze di incostituzionalità da parte della Corte Costituzionale. L’art. 2 stabilisce che alla Pma possono accedere ‘‘coppie maggiorenni

Leggi Tutto »
Articoli del Blog

Menopausa precoce

Sapevi che se hai appena compiuto 40 anni, entro il tuo prossimo compleanno avrai perso circa la metà della fertilità che hai in questo momento? A partire dai 36 anni, si perde il 2% di possibilità di gravidanza al mese!che si traduce in un 24% in meno all’anno. E questa

Leggi Tutto »