Come viene selezionata la donatrice di ovociti?

Come viene selezionata la donatrice di ovociti?

Bisogna iniziare dicendo che la scelta dell’ovodonazione non è certamente facile ed è normale e comprensibile porsi delle domande ed avere dubbi. E’ importante prendersi del tempo prima di arrivare alla consapevolezza e alla scelta definitiva, che porterà ad affrontare probabilmente uno dei percorsi più emotivi ed importanti della vita.

Fortunatamente ad oggi l’ovodonazione non è più un tabù, la società attuale ha capito che maternità trascende la biologia. Il fatto che nostro figlio non porti il ​​nostro DNA non significa che non sia nostro e che saremo meno madri. La donazione di ovuli implica semplicemente che un’altra donna ci aiuterà a raggiungere la gravidanza che naturalmente non arriva.

Alcuni dei dubbi più frequenti che ci vengono fatti sono ovviamente sulla scelta della donatrice: come sarà la ragazza che dona i suoi ovuli? Che test farà? Come viene selezionata? Il mio bambino mi assomiglierà?

La prima cosa da sapere è che la Spagna ha una delle leggi sulla riproduzione assistita meglio regolamentate e aperte in Europa. Il quadro giuridico spagnolo garantisce la riservatezza e impone l’anonimato incrociato nella donazione di ovociti: la donatrice non sarà in grado di conoscere l’identità dei futuri genitori. Allo stesso modo, i futuri genitori non saranno in grado di conoscere l’identità del donatore.

È la clinica della fertilità dove verrà effettuato il trattamento di riproduzione assistita che sceglie la donatrice e lo assegna a una ricevente femminile (attraverso un team multidisciplinare di medici e infermieri).

Per legge, i richiedenti per la donazione di ovociti devono soddisfare le seguenti condizioni:

  • Avere più di 18 anni e meno di 35 anni.
  • Essere in buona salute fisica e mentale.
  • Non avere una storia personale di anomalie genetiche o metaboliche.
  • Non trovarsi in una situazione sociale svantaggiata.
  • Non essere state adottate.

Dopo una visita ginecologica, verranno effettuati una serie di esami per scoprire il loro stato di salute, e realizzeranno anche un colloquio con una psicologa.

Tutti questi dati verranno inseriti nella cartella della donatrice. Una volta che tutti i risultati sono stati ottenuti e corretti, e gli ufficiali medici hanno dato il loro consenso, la donatrice entra nel database del programma di donazione, in attesa di un destinatario compatibile.

Inoltre, tutte le donatrici eseguono un test di compatibilità genetica (chiamato HERES) per scoprire se sono portatrici sane di mutazioni genetiche.

Come viene effettuata la selezione?

Caratteristiche fisiche

Quando una donna o una coppia si sottopone a un trattamento di ovodonazione, vengono prese in considerazione le caratteristiche fisiche del ricevente (altezza, peso, colore degli occhi, colore e consistenza dei capelli, colore e tipo di pelle). Inoltre, la donna di solito fornisce una foto del suo viso e della sua figura di quando aveva tra i 20 ei 30 anni. Tutto ciò è necessario affinché le caratteristiche fisiche siano il più vicino possibile a quelle della sua donatrice.

Gruppo sanguigno e genetica

Il gruppo sanguigno della donatrice sarà compatibile con quello della ricevente o della coppia. Inoltre, vengono analizzate possibili mutazioni genetiche nel donatore e nel partner del ricevente al fine di evitare malattie rare nel futuro nascituro.

Fattori sociali e istruzione..

Non è raro che le donne facciano domande sul livello di istruzione, i gusti o l’intelligenza della donatrice. In questo senso, va specificato che l’educazione, il livello intellettuale e educativo, le credenze o i gusti non sono considerati fattori determinanti. Saranno l’ambiente, l’educazione e le interazioni con la loro cerchia sociale che influenzeranno queste caratteristiche nei bambini.

 

 www.institutoigin.com/it international@institutoigin.com

Contatti: +34 946510701 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *