Fattori di successo per un trattamento di riproduzione assistita

Fattori di successo per un trattamento di riproduzione assistita

La Spagna è uno dei paesi leader nel campo della riproduzione assistita. Ciò è dovuto ad una legislazione moderna e permissiva che favorisce la donazione e non limita l’età per sottoporsi alle cure, ma anche alla qualità e professionalità dei suoi Ospedali. Centri che dispongono di tecnologie all’avanguardia e delle migliori attrezzature mediche disponibili.

Questi sono i fattori per cui molte donne di tutto il mondo scelgono di sottoporsi a trattamenti di riproduzione assistita nei centri spagnoli. Una decisione supportata dai risultati: le percentuali di successo nelle cliniche di questo paese sono tra le più alte del panorama internazionale.

Tuttavia, ci sono una serie di fattori differenziali tra le cliniche che possono fare la differenza quando si tratta di ottenere risultati positivi. Ci riferiamo all’applicazione di alcune tecniche e protocolli all’avanguardia che consentono di aumentare, ancora di più, le possibilità di successo. Successivamente esamineremo alcune di queste tecniche, tutte eseguite in iGin e che sono fondamentali per ottenere la gravidanza nel trattamento di riproduzione assistita.

ICSI (iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi). Si tratta di un importante progresso all’interno della tecnica di riproduzione assistita inclusa nel trattamento di Fecondazione In Vitro. Consiste nel micro iniettare individualmente in ogni ovocita uno spermatozoo precedentemente selezionato. Ciò consente ai nostri esperti di laboratorio di fare una scelta ottimale dello sperma, poiché solo lo sperma con il più alto potenziale, con le migliori caratteristiche e mobilità, verrà utilizzato per la fecondazione, ottimizzando così la qualità dell’embrione.

In iGin è la tecnica di fecondazione in vitro che eseguiamo in tutti i casi. Può essere eseguita anche nelle circostanze più avverse, con pochi ovociti o campioni seminali complicati.

Capacitazione seminale. Come clinica consigliamo sempre di utilizzare il campione seminale in fresco,  limitando l’uso di seme criopreservato in caso di seme di donatore anonimo. Viene congelato solo quando si tratta di una donazione, se la coppia non può venire in clinica il giorno del pick up o se è necessaria una biopsia testicolare. Una volta che il campione seminale arriva in laboratorio si procede a scegliere attraverso capacitazione, è un metodo si selezione spermatica, che serve a selezionare i migliori spermatozoidi, separandoli da quelli metodi di acquisire la capacità di fecondare l’ovulo. Sono modifiche nella loro struttura e mobilità in modo che possano penetrare nella membrana che copre l’ovocita e fondersi con esso. A seconda della diagnosi delspermiogramma, verranno eseguite alcune di queste tecniche di allenamento specifiche:

  • Gradiente di densità. È la tecnica convenzionale e consiste nell’utilizzare due o tre mezzi di diversa densità per imitare le fasi del percorso naturale dello sperma. Solo gli spermatozoidi con la migliore morfologia raggiungeranno l’ultima fase di densità.
  • Swim-up. È la tecnica indicata per i campioni con mobilità o concentrazione peggiore. Gli spermatozoi vengono selezionati in base alla loro capacità di salire dal fondo di una provetta da laboratorio verso l’alto nel mezzo di coltura.
  • MACS (magnetic Activated Cell Sorting). Questa tecnica elimina gli spermatozoi morti o con segni di non raggiungimento della fecondazione, lasciando solo quelli sani. È adatto a pazienti con necrozoospermia.
  • Fertile-Chip. È una tecnica di laboratorio avanzata che viene applicata in caso il test di frammentazione a doppia catena da esito positivo e serve per eliminare quegli spermatozoi con questo tipo di frammentazione. Con esso il tasso di successo è migliorato. Questa tipo di esame viene realizzato a pazienti con aborti di ripetizione, spermiogramma alterato,  fallimento embrionale dopo il terzo giorno di vita embrionaria  o età avanzata (uomini di età superiore a 47 anni).
  • Blastocisti (coltura lunga). In iGin tutti gli embrioni vengono portati alla fase di blastocisti (giorno cinque o sei di vita embrionaria) prima di essere trasferiti .Questi hanno una maggiore capacità di impianto perché hanno mostrato un grande potenziale riuscendo a raggiungere questa fase di conseguenza stato di blastocito, aumenta notevolmente il tasso di gravidanza.
  • Hatching assistito. Tecnica applicata al quinto giorno di sviluppo embrionale. Nel valutare le blastocisti ottenute, i tecnici di laboratorio perforano la zona pellucida dell’embrione per ottimizzarne il successivo impianto nell’utero. È un metodo sicuro e affidabile che, ancora una volta, aumenta le possibilità di ottenere una gravidanza.
  • Test di compatibilità (matching genetico). Questa procedura consente di confrontare i test di screening genetico della coppia per l’individuazione di patologie genetiche recessive e per assicurarsi che entrambi non siano portatori della stessa malattia, evitando così che gli embrioni risultanti siano affetti da tale condizione.
  • Embryoglue. È un terreno di coltura embrionale particolarmente indicato  nei pazienti con  aborti di ripetizione, in quanto migliora i fattori di crescita endometriale.

L’applicazione di queste tecniche, insieme o separatamente, può essere un vantaggio importante quando si tratta di ottenere una gravidanza.

Insieme alla professionalità del nostro personale medico e di laboratorio e alla tecnologia utilizzata, è uno dei motivi per cui iGin ha un tasso di successo superiore alla media nazionale per tutti i trattamenti riproduttivi.

 

www.institutoigin.com/it – international@institutoigin.com

Contatti: +34 946510701

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *