Maternitá  surrogata e diritti delle donne

Maternitá  surrogata e diritti delle donne

La maternitá surrogata riceve sempre più attenzione come questione controversa in cui ci sono posizioni conflittuali. Ne sono stati interessati dalla Conferenza dell’Aia al Parlamento europeo, passando attraverso tutti i tipi di gruppi politici e ONG.

Il dibattito è completamente aperto perché alcuni gruppi propongono il divieto di surrogazione, mentre altri chiedono che sia regolato in un numero sempre maggiore di paesi.

Con queste linee vogliamo dare il nostro contributo alle famiglie e alle madri surroganti. Ci concentreremo sul ruolo dei diritti delle donne in questa pratica e su come possano essere promossi e rafforzati.

Dal punto di vista dei diritti, la GPA è una tecnica delicata per diversi motivi:

– Prima di tutto “la gestazione per altri” è un processo con implicazioni e rischi evidenti per la salute delle donne.

I contratti tra madre surrogante e futuri genitori sono per lo più irrevocabili una volta  trasferito l’embrione o gli embrioni. Ciò significa che vengono prese decisioni molto importanti per le persone coinvolte, sulle quali in seguito non saranno in grado di cambiare opinione.

– Nella maggior parte dei casi, c’è una compensazione finanziaria per la madre surrogante. Qualsiasi movimento economico attorno a un processo medico implica la possibilità che vi sia una disuguaglianza di partenza e deve essere soggetta a un controllo rigoroso.

Dalla creazione di Interfertility, la ricerca di modi per garantire il rispetto dei diritti delle donne con cui lavoriamo è stata una priorità. Abbiamo preso la decisione di operare in paesi con meno garanzie sui diritti delle donne rispetto agli Stati Uniti dopo molte riflessioni e indagini; e i nostri primi contatti furono diretti a organizzazioni femministe locali, come il Gruppo di informazione sulla riproduzione elettiva – GIRE (Messico) o il centro femminista e anti-tratta La Strada (Ucraina). Dopo questi contatti, abbiamo concluso che la presenza della società civile nei processi di maternità surrogata deve essere rafforzata. Nessuno meglio di qualcuno che da anni difende i diritti sessuali e riproduttivi della popolazione locale per garantire che i processi abbiano un focus adeguato.

Durante questo periodo abbiamo raggiunto una serie di conclusioni riguardo a quali condizioni devono essere soddisfatte affinché i diritti delle donne siano garantiti:

Il consenso pienamente informato deve essere garantito. Nessuna donna dovrebbe essere madre surrogante senza aver chiarito tutti i rischi fisici che possono portare ai trattamenti a cui si sottopone, così come le implicazioni legali dei contratti che firma.

– Le parti non devono trovarsi in una situazione di estrema disuguaglianza. Anche quando il processo si verifica in paesi con una situazione economica precaria, le donne che partecipano a questi programmi devono avere una situazione finanziaria e familiare stabile (1 *).

– I contratti devono offrire sicurezza alle madri surroganti. I futuri genitori (o, se del caso, le società di consulenza come Interfertility) devono essere responsabili di verificare che la madre surrogante abbia una copertura sanitaria completa e che gli scenari peggiori siano contemplati. Le madre surrogante deve avere una consulenza legale indipendente (2 *); idealmente, questo consiglio dovrebbe essere collegato alla società civile e alle organizzazioni che lavorano sui diritti sessuali e riproduttivi.

– La possibilità di interrompere o meno la gravidanza in caso di complicazione deve essere affrontata prima di iniziare il processo. Solo la madre surrogante e i futuri genitori che condividono gli stessi valori a questo riguardo dovrebbero essere abbinati; e i futuri genitori dovrebbero capire che non è possibile forzare a una madre surrogante a interrompere la gravidanza o continuare con essa se non lo desidera. Il corpo della donna è un territorio inviolabile, sul quale deve avere il controllo fino alla fine del processo. Questo non è un ostacolo per stabilire una serie di meccanismi che proteggono anche i futuri genitori da decisioni arbitrarie o possibili conflitti che potrebbero portare a perdite morali o economiche.

– Deve esserci una protezione speciale contro ogni forma di violenza ostetrica, come i tagli cesarei non indicati dal punto di vista medico o il trasferimento di un numero eccessivo di embrioni. Riteniamo che l’obiettivo a medio termine debba essere il trasferimento di un singolo embrione già geneticamente testato; e attualmente in Interfertility abbiamo messo il massimo in due.

 

Per molte donne, essere madre surrogante è considerata la migliore esperienza di una vita. Molti di loro spiegano che aiutare un’altra persona ad avere un bambino li fa sentire importanti, valorizzati; soddisfatto dall’esercizio di un atto infinitamente solidale e pieno di amore. Inoltre, essere madre surrogante è un modo per contribuire non solo a rendere felici gli altri esseri umani, ma anche a portare nuove vite nel mondo. Forse nessuno lo spiega meglio delle donne dell’Associatione per la Maternità Surrogata in Spagna, che attualmente vedono questo desiderio ostacolato e le loro motivazioni messe in discussione. Per i professionisti che lavorano in questo settore (in molti casi dopo aver vissuto l’esperienza di essere madre surrogante) è molto importante garantire che questo desiderio venga raggiunto in sicurezza.

La pratica ci consentirà di migliorare sempre più queste condizioni; e vorremmo condividere queste righe per ricevere commenti e proposte da persone e organizzazioni interessate al fatto che un giorno la maternità surrogata sia una realtà in tutta l´Europa.

Le nostre porte sono aperte a chiunque voglia conoscere o contribuire di più a questa realtà: ricercatori, giornalisti, attivisti o semplici cittadini irrequieti.

  1. Nel dibattito con alcuni dei gruppi femministi sopra menzionati, siamo stati invitati a riconsiderare questo approccio. L´argomento di questi gruppi é:
  2. che, escludendo le donne in condizioni di povertà, le stavamo sottoponendo a doppia vittimizzazione e impedendo l’accesso a risorse che altrimenti non avrebbero potuto ottenere, limitando le loro opzioni a percorsi meno soddisfacenti e più dolorosi, come l’occupazione nel settore tessile o il servizio domestico. Nonostante la comprensione di questo argomento, riteniamo che la decisione di essere madre surrogante non possa essere presa liberamente da una situazione di assoluta necessità; e che una gravidanza focalizzata su un accesso irresistibile al risarcimento finanziario implica rischi inaccettabili.

Oggi, questa domanda è l’unica che riteniamo debba essere urgentemente migliorata in alcuno dei paesi in cui lavoriamo, dal momento che in Ucraina la legge non stabilisce questo requisito.

Ricordiamo cosa è la “Surrogazione di maternità” o “gestazione per altri (GPA)” 

è una tecnica di procreazione assistita in cui una donna, detta “gestante per altri”, o madre surrogata gestazionale provvede alla gestazione per conto di una o più persone, che saranno il genitore o i genitori del nascituro. Il ricorso a tale tecnica di solito viene sancito attraverso un contratto di surrogazione gestazionale; in esso, il futuro genitore o i futuri genitori e la “gestante per altri” dettagliano il procedimento, le sue regole, il possibile contributo economico per le spese mediche della gestante e per l’impegnativo percorso della gravidanza da intraprendere. La fecondazione può essere effettuata con spermatozoo (gamete) e ovuli sia della coppia sterile, sia di donatori e donatrici attraverso concepimento in vitro.
La “surrogazione”, in pratica, si ha quando una donna si presta a portare a termine un’intera gravidanza, fino al parto, con l’impegno di consegnarlo a una coppia determinata (in inglese PERSPECTIVE O INTENDED PARENTS) a nascita avvenuta. Nel caso più frequente, l’embrione può essere concepito con l’ovocita di una donna che è fertile, ma che non può portare a termine una gravidanza per esempio per difetti uterini, di modo che, dopo la gestazione e il parto, il neonato venga riconsegnato a colei che è madre genetica, ma non gestazionale.
La “maternità surrogata” o “gestazione surrogata” quindi è una tecnica di riproduzione assistita, la più complessa, sì, ma non è un atto commerciale o il noleggio di una parte del corpo altrui; è molto spesso un atto di coraggio e grande forza interiore, da parte della madre gestante, che desidera aiutare una coppia a diventare una famiglia; possiamo dire che è anche un grande gesto d’amore e sacrificio che una donna possa fare, perchè in fondo ogni gravidanza porta con se pur sempre un rischio per la propria salute.

 

INTERFERTILITY  (Madrid e Barcellona)  

interfertility@interfertility.es / www.interfertility.es

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *