MATERNITÀ A 40 ANNI - MITI E REALTÀ

MATERNITÀ A 40 ANNI - MITI E REALTÀ

Oggi una donna sulla quarantina è in uno dei suoi momenti migliori. Di solito, in questa fase della sua vita, ha un lavoro, una stabilità economica, emotiva e un buono stato di salute. Ciò significa che sempre più donne pospongono la maternità a questa età. Conosciamo tutti una persona con 40 anni che è rimasta incinta spontaneamente e ha avuto una gravidanza senza problemi. Quindi, c’è una falsa idea che non ci siano problemi per ottenere una gravidanza tra i 40 ei 45 anni, ma è solo una falsa idea. Le tecniche di riproduzione si sono evolute molto negli ultimi anni e questo rende possibile raggiungere gravidanze che prima non erano possibili, ma dobbiamo tener conto del modo per raggiungerle. “A 40, LA QUANTITÀ E LA QUALITÀ DEGLI OVOCITI  SONO IN DECRESCITA ”

Per quanto la nostra aspettativa di vita sia aumentata, ciò che non è cambiato è la biologia. Cè un dato di fatto che non possiamo negare: la riserva ovarica (numero di ovociti) a 40 anni è diminuito notevolmente e ha così la loro qualità, molti dei quali causano modifiche al livello dell’informazione genetica.
Questi due fatti significano che ottenere una gravidanza che si evolve correttamente non è così semplice. Inoltre, non possiamo dimenticare è che  questa età solo il 30% degli embrioni che si verificano spontaneamente si tradurrà in gravidanze e il 15% che terminano in aborto.

Tutto questo significa che non possiamo rimanere incinte dopo i 40 anni?

No, ma dobbiamo essere chiari sulle nostre opzioni. Se dopo sei mesi di tentativi spontanei non abbiamo raggiunto una gravidanza, sarebbe consigliabile andare in un’unità di riproduzione umana assistita.

A seconda della nostra riserva ovarica possiamo considerare un ciclo IVF / ICSI (fertilizzazione in vitro con microiniezione intracitoplasmatica) con alcune possibilità di rimanere incinta.

La realtà è che la maggior parte delle donne che rimangono incinta dopo i 40 anni lo fa attraverso la donazione di ovociti. Il motivo è che nei cicli di donazione vengono utilizzati gli ovuli di giovani donne, il che ci assicura un’adeguata quantità e qualità.

Un’altra opzione, se intendiamo ritardare la maternità, è di congelare gli ovociti stessi, attraverso la vetrificazione, prima dei 35 anni, il limite dal quale la qualità dell’ovocita si deteriora più rapidamente. È un modo per preservare la nostra fertilità.

In ogni caso, è importante avere a disposizione informazioni veritiere e adeguate per poter prendere decisioni importanti come il tempo della maternità.

Dunque, puoi essere una madre dai 40 anni in modo naturale, anche se i trattamenti di riproduzione assistita come la donazione di ovuli o la conservazione possono aiutarci a raggiungerlo in modo più rapido e sicuro. Dobbiamo anche ricordare che una gravidanza a partire dai 40 anni implica un aumento dei rischi durante la gravidanza, tutti fattori che devono essere presi in considerazione prima di compiere il passo.


 

 

Ringraziamo la Dott.ssa Carmen Aviles – Medico specialista in Ginecologia e ostetricia del Centro di riproduzione assistita  PHI FERTILITY

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *