ADOZIONE O MATERNITA' SURROGATA

ADOZIONE O MATERNITA' SURROGATA

Adozione o maternitá surrogata. Qual è il tuo modello?

Ogni settimana ci sono persone che arrivano nel nostro ufficio senza essere del tutto chiare che la maternità surrogata è la loro strada ed è per questo che in questo articolo cercheremo di chiarire le differenze tra adozione, e maternità surrogata.

Per Interfertility, la diversità familiare è un tesoro. Difendiamo il diritto di poter decidere liberamente come vogliamo vivere e, soprattutto, con chi vogliamo condividere le nostre vite. Questo diritto, che è così evidente per molte persone, sfortunatamente non lo è tanto per gli altri, che devono investire molti sforzi e una lunga strada per raggiungerlo.

Attraverso questo articolo intendiamo avvicinare queste famiglie”diverse”  per sapere come sono, per cercare di capirle e, insieme, contribuire alla parità di diritti.

ADOZIONE

L’adozione è stata spesso vista come “piano b” per coloro che non possono essere genitori in nessun altro modo … E nulla è più lontano dalla realtà. Adottare è un modo per essere genitori, che ha valore in sé. Significa creare un legame con un bambino che è già nel mondo e non ha famiglia; è un modello particolarmente ricco ed è anche un modello valido per chiunque. Non è necessario avere problemi di fertilità per adottare, tutt’altro.

Chi decide di adottare sta dimostrando che l’amore tra genitori e figli è molto al di sopra dei legami riproduttivi. Quando i futuri genitori ci informano che hanno deciso che l’adozione è il loro modello, questo è sempre motivo di gioia. Possono unirsi ai genitori che vogliono un figlio e un bambino che vuole i genitori.

ADOZIONE NAZIONALE

In Italia ci sono sempre meno bambini che devono essere adottati. Ci sono molti modi per evitare gravidanze non pianificate, e ci sono anche molti aiuti per impedire alle donne di dare i loro figli in adozione se non lo vogliono. Ecco perché solo le famiglie più adatte potranno adottare; e sarà un processo lungo e difficile in molti modi. Se vuoi incontrare una famiglia che ha già attraversato questo processo, ti consigliamo il blog di “Papa e mamma Jones”, una bella storia di alcuni padri che, ne siamo certi, non cambierebbero il loro modello familiare e la loro felicità per nulla al mondo.

ADOZIONE INTERNAZIONALE

Per quanto riguarda l’adozione internazionale, le opzioni sono di più. Ci sono molti paesi che non hanno il sistema di protezione sociale che l´Italia ha e hanno ancora bisogno di famiglie di sostegno che adottino bambini. Quello che è successo è che i governi di tutto il mondo sono diventati consapevoli che l’esistenza in un paese, di migliaia di bambini che hanno bisogno di una famiglia, è un’immagine negativa dall’esterno. Diversi stati hanno chiuso i loro confini all’adozione internazionale (spesso senza adottare misure reali per proteggere i bambini) e altri hanno creato meccanismi complessi per accedervi. Per questi motivi, il numero di famiglie che hanno accesso all’adozione internazionale è diminuito in Italia da 3.000 nel 1999 a 1.584 nel 2016, l’ultimo anno registrato. Ciò significa che molte  famiglie che desiderano adottare, sfortunatamente non lo otterranno mai.

Decidere sull’adozione internazionale significa essere disposti a viaggiare per il mondo per incontrare il nostro futuro bambino; ed è fondamentale essere molto ben informati su quali sono i rischi e le insidie ​​che dovremo superare. Solo in questo modo possiamo evitare situazioni come quelle vissute da famiglie italiane in luoghi come la Russia, il Congo, il Marocco o l’Etiopia, che sono stati intrappolati con i loro figli o li hanno persi dopo l’adozione.

Se stai pensando di essere un genitore per l’adozione internazionale, potrebbe essere una buona idea contattare un ACI, Comissione per le Adozioni Internazionale, assicurandoti che ti forniscano informazioni aggiornate sulla situazione in ogni paese di destinazione.

Quando optiamo per l’adozione, dobbiamo tenere a mente che un bambino adottato ha sempre una storia complessa dietro. Gli effetti di questa storia possono essere molto variabili. Da un lato, le ragioni che portano una donna a dare un figlio in adozione possono essere collegate a problemi di salute, uso di droghe o alcol, ecc. D’altra parte, se il bambino ha passato una parte importante della sua vita a fare da tutore nei centri di protezione, ciò avrà influito sul suo sviluppo affettivo, intellettuale e sociale. È importante tenere presente che questi effetti saranno probabilmente notati a un certo punto per evitare la frustrazione sia nei genitori che nel bambino. Fortunatamente, i bambini adottati in Italia hanno una vasta rete di supporto associativo e professionale che sarà molto importante per superare qualsiasi difficoltà che possa sorgere in questa linea.

Infine, i bambini adottati avranno bisogno di sostegno per accettare che le loro vite siano iniziate in un modo a volte sconosciuto e sempre difficile. Superare questa circostanza è un passo fondamentale per avere una vita felice.

DIFFERENZE TRA L’ADOZIONE E LA MATERNITA’ SURROGATA

La principale differenza tra i due modi di creare la nostra famiglia è che, per la maternità surrogata, si pianifica l’arrivo di un bambino nel mondo con l’aiuto di una terza persona, e per l’adozione invece si coinvolge un bambino che già è al mondo. In questo senso, coloro che decidono di essere genitori per gestazione surrogata stanno compiendo un atto (portare una nuova vita al mondo) che è diverso solo per i mezzi, rispetto alla decisione presa da coloro che scelgono di essere genitori in modo tradizionale o dalla fecondazione in vitro. I bambini nati da una maternità surrogata non esisterebbero se non fosse per l’espressa volontà dei loro genitori, aggiunti all’aiuto della madre surrogante e spesso anche dei donatori.

L’adozione è, come accennato in precedenza, un’altra alternativa per formare una famiglia, non dovrebbe mai essere un’imposizione, ma qualcosa che viene scelto liberamente. Di fatto, è normale per le persone che hanno avuto il loro primo figlio con la maternità surrogata, incoraggiarsi a espandere la propria famiglia adottando il loro secondo o terzo figlio, quando sentono che sono pronte a fare quel passo. In questi casi, l’adozione non è vissuta come ultima opzione ma come un desiderio soddisfatto.

Entrambi i bambini nati per maternità surrogata e quelli che vengono adottati devono conoscere le loro origini e ricevere il giusto supporto.. Tuttavia, le storie di maternità surrogata tendono ad essere più facili da spiegare, soprattutto perché i genitori sono stati presenti fin dall’inizio e possono rispondere a tutte le domande e ai dubbi dei bambini. Questi possono conoscere tutti i dettagli su quando i loro genitori hanno deciso di averli e le persone che li hanno aiutati in quel progetto.

Anche i requisiti per essere genitori in uno e in un altro modello sono diversi. Mentre l’adozione cerca la migliore famiglia possibile, quelli che decidono di essere genitori con una maternità surrogata di solito non soddisfano più requisiti di quelli di qualsiasi altro processo di riproduzione assistita. L’idoneità non è richiesta, ma semplicemente l’abilità.

Anche i tempi di attesa sono diversi e sono condizionati da diversi elementi. In maternità surrogata, il processo di solito dura in media un anno e mezzo, ed è condizionato sia dalla natura che dalle caratteristiche mediche delle persone coinvolte e dalla tecnologia utilizzata. In adozione, d’altra parte, l’attesa media è di diversi anni, anche se a volte è molto più veloce. Gli elementi che condizionano il processo di adozione sono amministrativi, oltre che personali e sociali. La durata del processo dipenderà dal numero di famiglie che scelgono lo stesso percorso, se sono disposti ad adottare bambini più grandi o con difficoltà e le procedure da eseguire.

interfertility@interfertility.es / www.interfertility.es – tel: 941019413

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *